Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
1998

 

980319 scadenza derivati


NOTA PER LA STAMPA

Scadenza strumenti derivati azionari

Milano, 19 marzo 1998 - Il 20 marzo 1998 alle ore 10:00 avranno termine le negoziazioni dei contratti futures sull'indice Mib 30, delle opzioni sull'indice Mib 30 e alle 8:30 scadranno le opzioni sui singoli strumenti finanziari, con scadenza marzo.

A questo riguardo si segnala che la scadenza dei contratti potrebbe comportare - durante la fase di pre-apertura del mercato telematica azionario (MTA) - un consistente flusso di ordini di compravendita delle azioni che compongono il Mib 30. Non solo, ma considerata la necessità da parte degli operatori di ottenere l'esecuzione di detti ordini, si potrebbe verificare l'immissione di proposte di negoziazione (PDN) a prezzi anche significativamente diversi rispetto a quelli correnti di mercato.

In analogia a quanto accaduto per le scadenze precedenti, nella seduta di venerdì 20 marzo, la Borsa Italiana effettuerà l'intervento sui parametri di negoziazione, restringendo all'inizio della seduta del giorno di scadenza, per ciascuna azione componente il Mib 30, il parametro di scostamento massimo tra prezzo delle PDN e il prezzo di riferimento (da +/-90% a +/-10%) e quello di scostamento massimo tra il prezzo di apertura e il prezzo di riferimento (da +/-10% a +/-5%).

Si segnala che l'articolo IA.3.3 delle Istruzioni al Regolamento prevede, tra l'altro, che nelle giornate di scadenza dei contratti Fib30, Mibo 30 e Iso%u0251, gli operatori sono tenuti a immettere nel mercato MTA le proposte di negoziazione aventi a oggetto strumenti finanziari componenti l'indice Mib 30 ovvero sottostanti ai contratti, Iso%u0251 relative alla chiusura di operazioni di arbitraggio sui contratti Fib30, oppure a trading di volatilità e alla effettuazione di operazioni di copertura sui contratti Mibo 30 e Iso%u0251, almeno venti minuti prima del termine della fase di pre-apertura del mercato telematico azionario.

Gli operatori possono inserire tali proposte anche negli ultimi venti minuti della fase di pre-apertura a condizioni che dette proposte, per le loro caratteristiche di prezzo, quantità e modalità di esecuzione, siano tali da non aumentare il valore assoluto della differenza tra il prezzo teorico di apertura e l'ultimo prezzo di riferimento.

 

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.