Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Notizie Radiocor Notizie Radiocor - Prima Pagina

Borsa: Europa al palo a meta' seduta, bene Milano (+0,2%) con Banco Bpm in luce

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 13 set - Qualche segnale di cautela oggi sulle Borse europee, con gli indici che ieri hanno aggiornato nuovi massimi. Milano sale dello 0,2% e viaggia sui livelli di inizio dicembre 2015, Parigi e' ferma a -0,02% poco sotto i massimi di primavera, che non vedeva da inizio 2008 mentre Francoforte (+0,01%) e' poco sotto i livelli di record storici aggiornati lo scorso giugno. In calo dello 0,18% Londra. I mercati guardano al dato chiave sull'inflazione Usa in calendario domani, mentre la sterlina sale dopo i numeri sui prezzi in Gran Bretagna. Occhi puntati anche al discorso annuale sullo stato dell'Unione, tenuto dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Sull'azionario milanese, ancora in luce i titoli bancari con il Banco Bpm (+1,9%) sotto i riflettori grazie al giudizio positivo di Ubs che ha avviato la copertura con buy e target price a 4 euro. Bene anche Intesa Sanpaolo (+1%) e Unicredit (+0,5%) che hanno concluso la cessione dell'11,176%, del capitale sociale ordinario della societa' mineraria francese Eramet per 169,4 milioni. In solido rialzo Mediobanca (+1%), dopo che Pirelli ieri sera ha comunicato che il proprio 1,79% non sara' piu' nel patto di sindacato, che scende in questo modo al 29%. Fuori dal comparto, bene anche Buzzi Unicem (+0,9%) che incassa il giudizio positivo di Mediobanca che migliora il rating da neutral a outperform e Saipem (+0,9%). Continua anche oggi all'insegna della debolezza Luxottica (-1,9%), gia' da ieri appesantita dai dubbi sull'aggregazione con la francese Essilor, dopo che, secondo indiscrezioni di stampa, l'Antitrust europeo ha richiesto ulteriori approfondimenti sull'operazione. In calo nel settore del lusso anche Ferragamo (-0,5%), mentre si muove in controtendenza Moncler (+0,6%). Pesante Mediaset (-2%) che subisce il declassamento di Macquarie che ha tagliato il target price a 2,1 euro da 4,3 e il rating da outperform a underperform. Debole Telecom Italia (-0,5%): secondo quanto scrive il Sole 24 Ore, la nomina di Amos Genish e' in bilico e l'assetto di governance rischia il congelamento in base ad alcune interpretazioni delle norme in materia di 'golden power'. In positivo Generali (+0,3%) che ha sottoscritto un contratto per la cessione della sua partecipazione in Generali Nederland a Asr Nederland. La cessione portera' ad un impatto positivo sul Solvency II di circa 1,6 punti e a una minusvalenza da cessione pari a 270 milioni. Sull'obbligazionario, in rialzo a 170 punti base lo spread BTp/Bund, mentre sul primario il Tesoro ha fatto il pieno con le aste BTp di oggi con oltre 12,45 miliardi di euro di domanda complessiva con prezzi sostenuti e rendimenti in calo rispetto ad un mese fa. Sul mercato valutario, movimenti ridotti in attesa del dato sull'inflazione Usa domani con l'euro che passa di mano a 1,1984 dollari (da 1,1961 dollari ieri) e a 131,8 yen (da 131,41 yen). Il dollaro-yen scende sotto la soglia di 110 re torna a 109,98 (da 110,02 stamattina e 109,93 ieri). In rialzo e sui massimi da un anno la sterlina sul biglietto verde, alla vigilia della riunione del consiglio direttivo della Banca d'Inghilterra e dopo i dati sull'inflazione britannica di agosto superiori alle attese: il cross sterlina-dollaro si attesta a 1,327 (da 1,3327 stamattina e 1,3273 di ieri). Il petrolio e' in lieve calo, dopo che ieri l'Opec ha indicato che il mercato si sta normalizzando. In rialzo di 6,2 milioni di barili le scorte negli Usa nell'ultima settimana. Prezzi del greggio in rialzo con il Wti consegna ottobre a 48,68 dollari al barile (+0,93%) e il Brent consegna novembre a 54,7 dollari al barile (+0,79%), sulla scia delle ipotesi di un ulteriore prolungamento dei tagli alla produzione da parte dell'Opec e delle indicazioni dell'Aie che danno un aumento della domanda.

Chi-

(RADIOCOR) 13-09-17 13:13:39 (0314) 3 NNNN

 
Titoli citati nella notizia
Nome Prezzo Ultimo Contratto Var % Ora Min oggi Max oggi Apertura
Saipem 3,41 +0,06 17.39.56 3,362 3,43 3,412
Generali 15,55 +0,26 17.37.14 15,45 15,55 15,52
Luxottica 47,85 -0,35 17.35.03 47,70 48,30 48,17
Unicredit 17,87 +0,34 17.37.14 17,73 17,90 17,79
Salvatore Ferragamo 22,76 -0,52 17.35.22 22,47 22,84 22,80
Moncler 24,56 -1,17 17.35.15 24,34 24,76 24,50
Banco Bpm 3,30 +0,43 17.36.50 3,282 3,32 3,286
Saipem Rcv
Buzzi Unicem 21,35 -0,47 17.35.20 21,29 21,50 21,45
Telecom Italia 0,8025 -1,77 17.41.40 0,8025 0,8135 0,807
Intesa Sanpaolo 2,944 +0,41 17.37.14 2,93 2,944 2,936
Buzzi Unicem Rsp 11,75 -0,59 17.35.29 11,71 11,85 11,71
Unicredit Rsp 67,30 -0,22 17.07.05 67,15 67,30 67,25
Mediobanca 8,80 +0,57 17.35.42 8,755 8,80 8,79
Intesa Sanpaolo Rsp 2,75 +0,15 17.35.09 2,74 2,766 2,74
Telecom Italia Rsp 0,6475 -1,89 17.36.23 0,6475 0,6575 0,6505

Notizie Radiocor - Prima Pagina