Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 

Glossario



Termine
Opzioni
Categoria
Strumenti Finanziari Derivati

Definizione
Le opzioni sono contratti derivati che attribuiscono al compratore il diritto di acquistare o vendere un'attività sottostante a (oppure entro) una certa data a un prezzo prefissato.

Approfondimento
Le opzioni sono contratti derivati asimmetrici in quanto soltanto il venditore è obbligato a soddisfare le volontà del compratore; quest'ultimo, invece, detiene il diritto di decidere se esercitare o meno la facoltà implicita nel contratto.
Gli elementi caratteristici di una opzione sono:
• il sottostante (o underlying): esso può essere un titolo azionario, un indice, una valuta estera (o un tasso di cambio) un contratto future, una merce (commodity) oppure una qualsiasi attività finanziaria o reale. Tutte le opzioni scritte sul medesimo sottostante costituiscono una "serie".
• la facoltà. Le opzioni che conferiscono al possessore la facoltà di acquistare, in data futura, il sottostante vengono denominate opzioni call. Le opzioni che conferiscono al possessore la facoltà di vendere il sottostante, vengono denominate opzioni put. Tutte le opzioni dello stesso tipo (call oppure put) costituiscono una "classe".
• la scadenza. Le opzioni che conferiscono al possessore il diritto di esercitare la facoltà esclusivamente il giorno che coincide con la scadenza del contratto, vengono denominate opzioni europee, mentre le opzioni che conferiscono al possessore il diritto di esercitare la facoltà in un qualsiasi giorno entro la scadenza del contratto, vengono denominate opzioni americane.
• il prezzo di esercizio (o prezzo base o strike price) rappresenta il prezzo al quale il possessore dell'opzione call oppure put può, rispettivamente, acquistare o vendere l'attività sottostante.

Il soggetto che acquista una opzione assume una posizione lunga (long), mentre la controparte, che vende l'opzione, assume una posizione corta (short). Esistono pertanto quattro tipi di posizioni sulle opzioni:
- una posizione lunga su una call (diritto di acquistare a termine il sottostante);
- una posizione lunga su una put (diritto di vendere a termine il sottostante);
- una posizione corta su una call (obbligo di vendere a termine il sottostante se la controparte ne fa richiesta);
- una posizione corta su una put (obbligo di acquistare a termine il sottostante se la controparte ne fa richiesta).

Dato che le opzioni conferiscono al loro possessore una facoltà e non un obbligo, potranno assumere un valore positivo (nel caso in cui risulti conveniente esercitare la facoltà) o, al massimo, nullo. Il valore intrinseco di una opzione call oppure put è dato, rispettivamente, da:



dove S rappresenta il prezzo spot del sottostante e X lo strike price.
In corrispondenza della data di scadenza il valore di un'opzione coindice con il suo valore intrinseco, mentre in un qualsiasi momento precedente la scadenza il valore di una opzione è dato dalla somma tra il valore intrinseco ed il valore temporale. Quest'ultimo dipende dalla probabilità che, con il passare del tempo, il valore intrinseco aumenti. Pertanto, i fattori che influenzano il prezzo di un'opzione prima della data di scadenza, oltre al prezzo spot del sottostante e allo strike price, sono: la durata residua, la volatilità del prezzo del sottostante, il livello dei tassi di interesse e la presenza o meno di redditi periodici (quali ad esempio i dividendi di una azione).
A causa della asimmetria tra i diritti ed i doveri dell'acquirente e del compratore, l'acquisto di un'opzione richiede sempre l'esborso di una somma di denaro denominata premio.
Le opzioni vengono impiegate dagli operatori con finalità di speculazione, copertura o arbitraggio.
In Italia le opzioni sono negoziate sul mercato IDEM. Esistono due diverse tipologie di contratti di opzione, le S&P/Mib options (opzioni sull'indice S&P/Mib di tipo europeo) e le Iso-Alfa, o single stock options (scritte su titoli azionari e di tipo americano).
Ultimo Aggiornamento: 17 gennaio 2011 - 07:17

Esempio
Si consideri il caso in cui un soggetto ha acquistato un'opzione call europea sul titolo azionario Alfa con strike price pari a € 30 e durata residua pari a 1 mese, versando un premio pari a € 2.
Il giorno di scadenza potranno verificarsi tre casi:
1.
Il titolo Alfa quota a € 25.
Il possessore dell'opzione deciderà di non esercitare la facoltà in quanto non risulta conveniente. La sua perdità sarà pertanto limitata al prezzo inizialmente versato (premio).
2.
Il titolo Alfa quota € 30.
Il possessore sarà indifferente se esercitare o mento la facoltà di acquisto.
3.
Il titolo Alfa quota € 35.
Il possessore eserciterà la facoltà di acquisto versando € 30 ed entrando in possesso di un titolo del valore di € 35.
Il suo profitto, al netto del premio versato inizialmente, sarà dunque pari a: max [0 ; S -X] - Premio, ossia
max [0 ; € 35 - € 30] - € 2 = € 3.

Argomenti Correlati
Strumenti Finanziari Derivati, Opzione Americana, Opzione Asiatica, Opzione Coperta, Opzione Doppia, Opzione Esotica, Opzione Europea, Opzione Put, Opzione Scoperta, Opzione su Azione, Opzione su Indice, Modello di Black e Scholes, Modello Cox-Ross-Rubinstein, Covered Warrant, Posizione Lunga, Posizione Corta, Classe, Contratti Aperti, Delta, Effetto Leva, At The Money, Barrier Option, Calendar Spread, Cap, Collar, Currency Option, Dont, Esercizio, Esercizio Anticipato, Esercizio Automatico, Esercizio per Eccezione, Floor, Gamma, In The Money, Individual Stock Option, Interest Rate Cap, Interest Rate Collar, Interest Rate Floor, Knock In Option, Knock Out Option, Mercato a Termine, Mercato dei Premi, Mercato Forward, Naked Option, Opzione Call, Opzione Stock Style, Opzione su Cambio, Opzione su Valuta, Opzioni con Barriera, Out of The Money, Phi, Premio, Rho, Rho - Div, Spread di Calendario, Spread di Prezzo, Spread Temporale, Stellage, Straddle, Strap, Strip, Swaption, Theta, Time Spread, Valore Intrinseco, Valore Temporale, Vega, Warrant, Strike Price, Short Position, Prezzo di Esercizio, Open Interest, Long Position, Base, Volatilità, Rapporto di Esercizio, Quanto, Punto di Pareggio, Parità, Multiplo, Commodity, Regolamento Finale per Consegna, Valore Corrente, Regolamento Finale per Contante, Certificati del Tesoro con Opzione, Copertura, Hedging, Protection Buyer, Gearing, Strumenti Finanziari, Cash Settlement, Regolamento per Cassa, Fair Value, Mercato Italiano dei Derivati su Azioni, IDEM, Prezzo Teorico

Indietro Nuova Ricerca

Per una guida all'uso del Glossario clicca qui



Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.