Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 

Glossario



Termine
Margine di Variazione
Categoria
Strumenti Finanziari Derivati

Definizione
Importo monetario che, giornalmente, ogni partecipante alla Cassa di Compensazione e Garanzia che ha subito una perdita/guadagno su ognuna delle proprie posizioni deve versare/ricevere, in base all'andamento delle quotazioni degli strumenti negoziati. L’ammontare di tale importo è pari alla perdita/guadagno registrata/conseguito su ciascuna posizione.

Link Utili
http://www.ccg.it

Approfondimento
Il Margine di Variazione viene calcolato soltanto sulle posizioni contrattuali in Futures.. Al termine di ogni seduta di Borsa la CC&G comunica ai Partecipanti Generali ed ai Partecipanti Individuali il valore del Margine di Variazione che essi devono versare (qualora abbiano subìto una variazione sfavorevole di prezzo) o che devono ricevere (qualora abbiano beneficiato di una variazione favorevole di prezzo) dalla stessa CC&G sulle loro posizioni in Futures.
Nello specifico, per calcolare il Margine di Variazione, le posizioni in Futures sono soggette a rivalutazione giornaliera (settle-to-market) mediante il pagamento/incasso del differenziale tra il prezzo di carico (prezzo di negoziazione o di chiusura del giorno precedente) ed il prezzo di regolamento della giornata: sono questi i Margini di Variazione propriamente detti. Un’utile esemplificazione del funzionamento dei Margini di Variazione può essere fornito dalla tabella sottostante, nella quale si calcolano i Margini di Variazione sui Futures S&P MIB tramite la procedura di settle-to-market.
Ultimo Aggiornamento: 17 gennaio 2011 - 07:17

Esempio
Un investitore acquista, tramite un Partecipante alla CC&G (clearing member), un contratto futures S&P/Mib con prezzo pari a 35.000 punti indice.
La dimensione del contratto è pari al prodotto tra il prezzo del future ed il moltiplicatore del contratto (fissato a 5€) = 35.000 x 5€ = 175.000€.
L’investitore versa alla CC&G un margine iniziale pari al 7,5% di 175.000€ = 13.125€.

Il giorno successivo l’indice scende a 34.800 e quindi il S&P/Mib futures vale 174.000€. L’investitore registra una perdita pari a 1.000€.
Il suo margine è sceso a 12.125€. Egli deve versare alla CCG un importo pari a:
174.000€ x 7,5% - 12.125€ = 925€.

Il giorno successivo l’indice sale a 35.100 punti e quindi il contratto S&P/Mib vale 175.500€.
L’investitore registra un guadagno di 175.500€ - 174.000€ = 1.500€. Il margine si porta a 13.162,5€. L’investitore incassa un importo pari a: 1.387,5€.
Infatti, per adeguarsi al nuovo margine di 13.162,5€, egli dovrebbe versare 13.162,5€ - (7,5%174.000€) = 112,5€, che sono così detratti dai 1.500€ guadagnati.

Argomenti Correlati
Cassa di Compensazione e Garanzia, Clearing House, Controparte Centrale, Strumenti Finanziari Derivati, Default Fund, Theoretical Intermarket Margin System, Method for Portfolio Valuation, Margine Aggiuntivo Infragiornaliero, Margine di Garanzia, Margine Iniziale, Margine Minimo, Margine su Premio, Marking to Market, Margine Mark to Market Futures, Margini, Margini Aggiuntivi, Margine Mark to Market Azioni, Sistema dei Margini, Margine Iniziale Ordinario, Margine Iniziale Preventivo

Indietro Nuova Ricerca

Per una guida all'uso del Glossario clicca qui



Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.