Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 

Glossario



Termine
Hedge Fund
Categoria
Società Emittenti

Definizione
Fondi che generano rendimenti non correlati con l'andamento del mercato attraverso l'utilizzo di una vasta gamma di strategie d'investimento.

Approfondimento
Gli hedge fund godono della massima libertà nella scelta delle attività oggetto di investimento e sono potenzialmente in grado di generare, ove la gestione risulti efficiente, rendimenti non correlati con l'andamento del mercato.
La sottoscrizione di quote di hedge gund può avvenire in qualsiasi istante, mentre per il rimborso vi possono essere alcuni vincoli: esso può avvenire con cadenza mensile (in alcuni casi trimestrale), in base al cosiddetto "periodo di liquidità".
Il gestore di un hedge fund può partecipare al fondo anche con il proprio capitale (in questo modo aumenta la fiducia dei sottoscrittori) e gode di ampia autonomia nella scelta dei mercati e dei beni oggetto di investimento (mercato azionario, obbligazionario, dei derivati, o valutario) in qualsiasi situazione di mercato (rialzista o ribassista). Il gestore di un hedge fund non si propone di superare o seguire un indice di riferimento (benchmark), ma tende a fissare un valore assoluto di rendimento da raggiungere ogni anno.

In Italia, la costituzione dei primi hedge fund è stata autorizzata dal decreto n. 228 del 24 maggio 1999 del Ministero del Tesoro e dai Regolamenti attuativi della Banca d’Italia del 20 settembre 1999 e successive modifiche, apportate con decreto del Ministero del Tesoro n. 47 del 31 gennaio 2003.

Esistono diverse tipologie di hedge fund, in funzione delle strategie di investimento adottate:
1. Macro Fund: fondo che specula sull'andamento di tassi di interessi, valute o mercati azionari.
2. Arbitrage Fund: fondo che compie operazioni di arbitraggio comperando per esempio, un titolo negoziato sul mercato X e rivendendolo sul mercato Y speculando cosi sui diversi valori di quotazione del titolo. È la tipologia di hedge fund considerata meno rischiosa.
3. Fondi Equity Hedge: fondi che comprano e vendono allo scoperto titoli azionari sui mercati regolamentati a seconda che si preveda un rialzo o a un ribasso del titolo.

Le tre categorie appena descritte rappresentano le tipologie principali di hedge fund; all’interno di ciascuna di esse, si individuano ulteriori sottocategorie. Ad esempio:
• Aggressive Growth Hedge Funds: acquistano azioni di società per le quali ci si attende un incremento della crescita negli utili per azione. Il rischio di un simile investimento consiste in un errore di previsione e nella concentrazione degli investimenti in un numero limitato di società, alcune delle quali hanno una bassa capitalizzazione.
• Distressed Securities: investe in azioni o obbligazioni di società in crisi, in una situazione di bancarotta o insolvenza. L’obiettivo è quello di acquistare i titoli ad un basso prezzo, scommettendo su un recupero di solvibilità e affidabilità della società.
• Fondo di Fondi: investe in quote di altri fondi e Sicav (società d’investimento a capitale variabile), con l’obiettivo di diversificare il rischio.
• Emerging Markets: si tratta di fondi che investono in azioni e obbligazioni di società operanti nei mercati emergenti, quali America latina, Medio Oriente, Europa dell’Est.
• Technology: il fondo investe prevalentemente in società operanti nei settori tecnologici (Internet, hardware, software, elettronica, informatica, ecc.).
• Media/Communication: il fondo investe prevalentemente in società operanti nel settore delle comunicazioni (telecomunicazioni, pubblicità, ecc.).
• Healthcare: il fondo investe prevalentemente in società operanti nei settori farmaceutici e della cura della persona.
• Financial Services: il fondo investe prevalentemente in società operanti nel settore dei servizi finanziari (banche d’investimento, banche commerciali, assicurazioni, ecc.).

In genere le commissioni da corrispondere per l'investimento in un hedge fund sono due:
• commissione di gestione: corrisposta mensilmente o trimestralmente;
• commissione di incentivo: rappresenta la quota di utili spettante al gestore e viene corrisposta con cadenza annuale.
Ultimo Aggiornamento: 17 gennaio 2011 - 07:17

Argomenti Correlati
Hedge Fund, Fondi Speculativi, Fondi Riservati, Fondo di Fondi, Arbitrage Fund, Fondo Flessibile, Fondo Comune di Investimento, Equity Market Neutral

Indietro Nuova Ricerca

Per una guida all'uso del Glossario clicca qui



Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.