Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

A differenza dei mercati regolamentati, AIM Italia stabilisce solo alcuni requisiti minimi di ammissione:

  • Il requisito fondamentale è la presenza continua del Nomad sia nella fase di pre-ammissione che in quella di post-ammissione
  • Non è prevista una dimensione minima o massima della società in termini di capitalizzazione
  • È prevista una soglia minima di azioni sul mercato in termini di flottante, che deve essere almeno del 10% (suddiviso tra almeno 5 investitori professionali o 10 investitori di cui 2 professionali).
  • Non sono previsti requisiti particolari in tema di corporate governance
  • Non sono previsti requisiti economico-finanziari specifici

È il mercato stesso, grazie alla figura del Nomad, a definire la dimensione ideale delle società che concretamente verranno ammesse al mercato, il flottante che sarà opportuno collocare per garantire adeguata liquidità al titolo e i presìdi in termini di governance per tutelare gli azionisti di minoranza.
Il Nomad nel corso degli incontri preliminari valuterà il potenziale apprezzamento della società da parte degli investitori, in base al generale contesto di mercato, al settore di appartenenza, al track record, alle prospettive di crescita e consiglierà la società in merito all’opportunità di intraprendere il processo di quotazione.

In fase di ammissione, la società deve predisporre soltanto il documento di ammissione, che riporta le informazioni utili per gli investitori relative all’attività della società, al management, agli azionisti e ai dati economico-finanziari.
Una volta quotata, la società non deve presentare i resoconti trimestrali di gestione, ma solo il bilancio e la relazione semestrale e non deve pubblicare altra documentazione per effettuare aumenti di capitale successivi.

Nelle due tabelle di seguito riassumono in modo immediato i requisiti formali richiesti per AIM Italia in fase di IPO e post-IPO.

Requisiti formali in fase di IPO

 

AIM Italia

Flottante

10%

Bilanci certificati

1 (se esistente)

Principi contabili

Italiani o internazionali / USA

Offerta

Istituzionale

Altri documenti

Documento di ammissione

Market cap (€)

Nessun requisito formale

CDA (n. indipendenti)

Nessun requisito formale

Comitato Controllo e Rischi

Nessun requisito formale

Comitato Remunerazione

Nessun requisito formale

Incentivi al Top Management

Nessun requisito formale

Investor Relator

Non obbligatorio

Sito web

Obbligatorio

Principale Advisor

Nomad

Requisiti formali post IPO

 

AIM Italia

Codice di Corporate Governance

Facoltativo

Specialist

Obbligatorio (liquidity provider)

Informativa

Necessario price sensitive e operazioni straordinarie (Regolamento AIM)

OPA

OPA Statutaria

Parti correlate

Procedure semplificate e obblighi informativi

Dati trimestrali

NO

Dati semestrali

Sì – entro 3 mesi da chiusura semestre

Dati annuali

Sì – pubblicazione entro 6 mesi da chiusura esercizio